ORGANIZZAZIONE  |  MISSION  STATUTO


Operiamo nei settori dell'educazione, dell'istruzione e della formazione.
Promuoviamo e sosteniamo progetti e iniziative volti a incentivare, in Italia e all'estero, questi cardini della nostra società affinchè siano accessibili a tutti.


Come nasce PEN PAPER PEACE...

La nostra storia inizia nel 2008, quando durante un viaggio ad Haiti ci siamo resi conto dei gravi problemi del sistema educativo ed è cominciato il nostro progetto.

Nel 2011 nasce Pen Paper Peace e.V. (organizzazione tedesca con sede a Berlino) che si attiva per offrire istruzione gratuita in una delle zone più povere del mondo. Ad Haiti, infatti, 1 bambino su 4 non può frequentare la scuola, che è a pagamento anche se pubblica.

Abbiamo fatto tutto questo, e continuiamo a farlo, grazie alla cooperazione con persone del luogo: tutto il personale è infatti haitiano. Così per 600 bambini e bambine che ogni anno imparano a leggere e scrivere e studiano matematica le due scuole costruite nelle zone piú povere di Port-au-Prince diventano una seconda casa e il luogo da cui iniziare a realizzare i loro sogni.

A partire dal 2019 PEN PAPER PEACE ha lanciato importanti progetti in nuove nazioni, Honduras e Namibia.

... e come arriva in Italia

 Dopo aver incontrato il team di PEN PAPER PEACE, infatti, l’attore italiano Luca Marinelli è andato per la prima volta ad Haiti, nel 2012. A partire dal suo secondo viaggio, Luca ha continuato a promuovere gli obiettivi e la filosofia di PEN PAPER PEACE in Italia.



Nel 2019 il progetto "Scuole per Haiti" è sbarcato nelle scuole italiane. E così, proprio in seguito alle nostre attività di Educazione alla Cittadinanza Globale in Italia, si è creato un gruppo affiatato di persone che credono fortemente nella missione di PPP e ne promuovono la filosofia.

Questo ha portato, nel 2020, alla nascita dell’ASSOCIAZIONE PEN PAPER PEACE, nuova organizzazione con sede in Italia.

Oltre a sostenere i progetti internazionali e a promuovere attività di Educazione alla Cittadinanza Globale nelle scuole italiane, l’associazione è attiva con un importante progetto educativo per rispondere alla grave crisi educativa che l'epidemia ha prepotentemente messo in luce: il “Progetto Buddy".